ASST Brianza: infermieri dei Pronto Soccorso in stress da superlavoro

I Pronto Soccorso dell'ASST Brianza, come ormai quelli di tutta la Penisola, sono presi d'assalto a causa dell'aumento dei contagi di questa quarta ondata pandemica. A farne le spese è il personale dei Pronto Soccorso e, in particolare, il personale infermieristico, chiamato ad effettuare, oltre al "normale" superlavoro, anche i tamponi per la diagnosi dell'infezione da COVID-19.

La recrudescenza dell'epidemia, come scrivevo in apertura, ha contribuito ad un incremento dei casi positivi e, di conseguenza, alla necessità di individuare nuove modalità e nuove aree dedicate.

"In aggiunta alle numerose attività quotidiane svolte abitualmente, sul personale grava l' attività di esecuzione dei tamponi rapidi a tutti i pazienti - denuncia Donato Cosi, Segretario Territoriale del NurSind Monza e Brianza - Inoltre, la mancanza di un filtro all’ ingresso, permette il passaggio dell’ utenza nelle diverse aree (sala visite, triage, sala d’attesa attesa interna al PS, radiologia) e impedisce la pronta individuazione di un’eventuale positività al Sars-Cov-2 e la relativa assegnazione del percorso dedicato".

Alla luce di quanto evidenziato, la Segreteria Territoriale NurSind Monza e Brianza ha chiesto all'ASST Brianza tre misure indispensabili:

  1. l’individuazione di un’area dedicata per l’esecuzione di tutti i tamponi;

  2. l’incremento del personale infermieristico;

  3. il riconoscimento dell'indennità di malattie infettive al personale operante nei pronto soccorso (talune volte il paziente positivo rimane in pronto soccorso per 72 ore a causa della mancata disponibilità di un posto letto nel reparto COVID).

Vi terremo aggiornati sugli sviluppi del caso.

210 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

se hai bisogno di informazioni

339 1937863
CHIAMACI
oppure scrivi a: monza@nursind.it